La processione religiosa sfila insieme al Corteo Storico, indubbiamente uno dei più belli d’Italia, nel quale sono rappresentate tutte le magistrature dell’epoca comunale, gli stemmi e le armi delle famiglie gentilizie orvietane e che offre, sullo sfondo dell’incomparabile scenario dei monumenti e delle caratteristiche strade di Orvieto, uno spettacolo altamente suggestivo ed indimenticabile.

255180_112655478824249_1360855_n

Durante la sfilata si apprezzano l’incedere maestoso dei personaggi, lo struscio dei calzari completamente realizzati a mano in cuoio naturale, l’ondeggiare policromo dei vessilli istoriati come vetrate di cattedrali, il caratteristico suono dei metalli delle armi, delle corazze, degli elmi e degli scudi modellati, sbalzati e cesellati a mano da abili maestri armaioli e la preziosità dei costumi la cui minuziosità dei ricami in oro argento e sete, li rende delle vere e proprie opere d’arte.

Una curiosità: perché un corteo di soli uomini?

270899_114042858685511_1852639_nQuando già il cantiere del Duomo era in piena attività (la prima pietra fu posta al Papa Niccolò IV nel novembre del 1290), Beltramo Monaldeschi, vescovo di Orvieto, commissionò al senese Ugolino di Vieri l’imponente reliquiario per custodire il lino macchiato del sangue del Miracolo di Bolsena.

La superba opera giunse in città nel 1338, esattamente 75 anni dopo il miracolo, e gli Orvietani del periodo furono talmente impressionati dalla sua bellezza che modificarono la pianta della Cattedrale per aggiungere una cappella in cui ospitare il prezioso oggetto.

L’entusiasmo fu tanto che si volle festeggiare l’arrivo del reliquiario con una solenne processione, a cui presero parte le maggiori autorità cittadine (Podestà, Gonfaloniere di Giustizia, Consoli, Capitano del Popolo, rappresen-tanti delle milizie, nobili,…), tutte rigoramente di sesso maschile.

Se invece, come in molti credono, il Corteo è una rievocazione commemorativa dell’incontro tra il Papa e il vescovo in arrivo da Bolsena, non si spiegherebbe il perché di una processione che si snoda all’interno della Città (l’incontro del Papa con il Vescovo di ritorno da Bolsena avvenne a Rio Chiaro, fuori della cinta muraria), né il perché di un corteo composto di soli uomini (secondo le cronache del periodo non solo le autorità accompagnarono il Papa, ma una consistente folla di uomini e donne).